IREM INCEDAYI – ARCHETIPI

barbara | marzo 2nd, 2017 - 11:45

IREM INCEDAYI

ARCHETIPI

fsfsfs
a cura di Cristina Porcella

dal 10 al 24 marzo

I segni e le linee che fluiscono sulle tele di Irem, ci rimandano a quell’archetipo di segno che l’uomo ha utilizzato quale mezzo di comunicazione prima ancora del linguaggio.

Irem esplora il segno come archetipo, forma primitiva di pensiero e di idee nate dall’inconscio, alla base delle espressioni mitico religiose dell’uomo.

Irem dispone le sue mutevoli linee alla ricerca di quelle espressioni , linee che si rincorrono, che si infrangono, a volte si rispecchiano nello scorrere della storia e delle culture che nel tempo si sono scontrate e sovrapposte.

La natura quale modello di bellezza e perfezione ha guidato da sempre la mano dell’uomo nel tracciare le sue linee.

Così nelle opere di Irem, i segni sinuosi ed eleganti, le linee che si fanno scrittura sono simboli della ricerca di quel modello, segni immersi nei colori cangianti e soffusi delle innumerevoli albe e tramonti che hanno guidato l’archetipo del segno fino a noi.

BIO:

Irem Incedayi nasce a Roma in una famiglia di artisti, si laurea nel ’94 all’Accademia di Belle Arti di Roma. Le sue radici culturali spaziano da Oriente a Occidente. Nelle sue frequenti permanenze ad Istanbul, Irem subisce il fascino di un mondo raffinato e misterioso fatto di palazzi e moschee che splendono e si dissolvono nel pulviscolo d’oro delle albe e dei tramonti del Bosforo.

Nel 2007 in Campidoglio a Roma riceve dal Sindaco il Premio per la pittura “…per aver creato in qualità di artista dei due mondi un ponte ideale tra cultura occidentale e cultura orientale..”

La sua tecnica, messa a punto sin dai primi lavori, dalla metà degli anni ’90 ha un forte legame con l’archeologia e il culto del passato. L’uso di colori polverosi, realizzati con terre miste, sabbiose, foglie d’oro e d’argento, permette di ricreare gli effetti di corrosione di un tempo vissuto.

Irem partecipa ed espone in mostre collettive internazionali e realizza numerose mostre personali in varie parti d’Italia, in Turchia e negli Stati Uniti.

Attualmente vive e lavora tra Roma e Istanbul.

MARKOUT 1/1 a cura di BANNA’I STUDIO e UAU ART

barbara | novembre 25th, 2015 - 12:06

a cura di Banna’i Studio e UAU ART(Urban Art Utopia)

04 – 18 Novembre 2015

Galleria Cà D’Oro – Via del Babuino, 53 Roma

L’arte incontra il design. MARK OUT 1/1 è un ambizioso progetto di Banna’i Studio che connette la contemporaneità della street art alla tradizione artigianale italiana, con un occhio attento alle nuove tecnologie.

Con MARK OUT 1/1, Banna’i Studio punta ad accostare il design all’arte, coinvolgendo undici tra i migliori street artist della scena romana in una sfida per la creazione di complementi d’arredo unici, realizzati con le più moderne tecniche d’artigianato digitale che vanno dalla stampa 3D alla fresa a controllo numerico.

MARK OUT 1/1 presenta in anteprima le opere inedite di Alt97, #Cancelletto#, Diavù, Gojo, Groove Lucamaleonte, Maria Carmela Milano,  Mr Klevra, Mister Thoms, Omino71, Solo.

MARK OUT 1/1, nel gergo americano “lasciare una traccia”, concretizza un’idea unica nel suo genere, grazie alla quale l’artista sigla con la propria impronta un oggetto di design destinato ad entrare nell’uso quotidiano: arte, design e artigianato digitale si fondono e, grazie alla collaborazione con UAU ART (Urban Art Utopia), trovano nuova dimora tra le mura della storica e prestigiosa galleria romana Cà d’Oro in Via del Babuino, 53.

Tra i pezzi unici della mostra, visitabile gratuitamente dal 4 al 18 Novembre sono presenti:

la chaise longue “K-1” di Mr Klevra, in legno e alluminio tagliato ad acqua, i cui segni calligrafici dell’artista accompagnano la silouhette della seduta; la lampada “Madrilù”, matrioska concepita da Alt97 e realizzata tramite la stampa 3D; l’elegante tavolo in rovere “Äbundantia” di Lucamaleonte la cui parte centrale, incisa al taglio laser riproduce un motivo floreale con ape realizzato dallo street artist; l’impianto di diffusione audio HI-FI “Fat you” di Omino71 che coniuga un’icona street, quale il cap delle bombolette e il design alla migliore tecnologia audio.

A sottolineare i differenti percorsi degli artisti presenti, la mostra espone anche opere inedite a cura di UAU ART (Urban Art Utopia), il cui tema prende ispirazione dall’arte decorativa del Banna’i (a cui lo Studio deve il proprio nome): forme geometriche, pattern, tag, rappresentazioni figurative si alternano nella realizzazione di tele dal formato 70×70.

Partner dell’iniziativa sono: Ceramiche Maroso, Due Ancore di Marcello Beltrame, Neon Angher e Studio d’arte Candeloro.

FULL IMMERSION – Andrea Puccetti e Gloria Satta

barbara | giugno 17th, 2015 - 09:49

FULL IMMERSION

di

Andrea Puccetti e Gloria Satta

a cura di Laura Mocci e China Porcella

Opening Mercoledì 24 giugno h. 19-21


Bagliori, ombre lontane che si aggirano imponenti, movimenti impercettibili colti a distanza, figure che scompaiono e improvvisamente riappaiono baluginando. Grandi occhi, linee spezzate, branchie, squame, pinne, mandibole mobili e non, animano le sagome di pesci reali e fantastici. Grazie a lievi correnti d’aria, si muovono in gruppi compositi o in solitudine, come in una danza, portando l’osservatore a immaginarsi abitante di una realtà sottomarina.

Subacqueo, biologo, ma soprattutto homo faber,  Andrea Puccetti studia Alexander Calder.  Il gioco di equilibrio tra pesi e movimento, unito all’apparente leggerezza con cui il grande artista statunitense unisce le singole forme che lo affascinano. taglia lamiere di alluminio, recupera lastre di ottone, seleziona frammenti di rame, di acciaio, li unisce utilizzando microscopiche viti (mai la colla) e con un sapiente lavoro di bilanciamento li trasforma in saraghi, cefali, orate, cernie perennemente in movimento in un mare immaginario.
Simili ma diversi come in natura, i singoli esemplari presentano caratteristiche proprie che li rendono unici rispetto ai loro simili e contemporaneamente parte integrante di un gruppo. metafora forse del nostro essere, “full immersion”, in cui gioco e ricerca si bilanciano magistralmente, sembra volere alludere alla leggerezza del nostro esistere sottolineandone, con ironia, l’imprevedibilità.

Laura Mocci


Andrea Puccetti è biologo  e bricolaire.  la sua passione per il mondo sottomarino  è alla base di “full immersion”.  Vive e lavora a Roma.

Sponsor:

UAU (Urban Art Utopia) – Diavù, MauPal, Solo

barbara | marzo 27th, 2015 - 13:04
prova

UAU! La Street Art arriva “indoor” nella Galleria Ca’ d’Oro, luogo storico di esposizioni dei più grandi nomi dell’arte del Novecento, che accoglie il progetto di Cristina Porcella e Marta Ugolini. Fenomeno globale, ricco di stimoli e in continuo fermento dall’inizio del nuovo millennio, l’Urban Art rende manifesto il proprio percorso creativo ed il suo [...]

Trama Discontinua – Donatella Alessi

barbara | febbraio 27th, 2015 - 10:25
frammenti.1

La galleria Ca’ d’Oro inaugura l’8 marzo una personale dell’artista Donatella Alessi. Le opere si inseriscono nella persistente vitalità della pittura materica espressa attraverso colori e trame. Una serie di titoli che richiamano quelli adottati dal mondo della musica Claude Debussy: Prime Luci, Aquiloni, Il cielo addosso. L’assenza di un oggetto riconoscibile concettualmente spinge ad [...]

SILENZIO E RUMORE – Agostino Muratori

barbara | gennaio 15th, 2015 - 12:15
0J2A8755.1

Nel quarantennale della sua prima mostra, la Galleria Ca’ d’Oro celebra l’opera di Agostino Muratori, pittore romano – oltre che medico e botanico – con una personale dal titolo SILENZIO E RUMORE, summa di un  percorso artistico ed umano. È vitalissimo Agostino Muratori, dipinge tantissimo: quadri piccoli, grandi, scene orizzontali in campo lungo, marine, battaglie, [...]

Vanitas: Art and Fashion – Ewa Bathelier e Marina Ripa di Meana

barbara | marzo 22nd, 2014 - 11:21
DSC_3673.1

Roma – Una nuova mostra apre al pubblico il 26 marzo, curata da Gloria Porcella presso il nuovo spazio espositivo nel cuore di Roma, in via del Babuino 53. Questa volta i protagonisti, o meglio, le protagoniste dell’esposizione, sono due donne: Ewa Bathelier e Marina Ripa di Meana. Ewa Bathelier è un’artista nata a Varsavia, [...]

Kings of Pop: Andy Warhol/Romero Britto

barbara | febbraio 5th, 2014 - 22:46
Kings of Pop.inevidenza

Kings of Pop: Andy Warhol / Romero Britto, questo il titolo della mostra – curata da Gloria Porcella e Lamberto Petrecca – che inaugura il nuovo spazio espositivo della Galleria Ca’ d’Oro in via del Babuino 53. Per la prima volta insieme. La mostra unisce in anteprima mondiale i due big della Pop Art: Andy [...]

ROMERO BRITTO

barbara | ottobre 14th, 2013 - 11:41
Romancism

Romancism, Romero Britto © 2013 ROMERO BRITTO a cura di Gloria Porcella e Lamberto Petrecca dal 20 ottobre al 10 novembre Uffici Methorios Capital Palazzo Torlonia – secondo piano Via Bocca di Leone, 78 00187 Roma INGRESSO SOLO SU PRENOTAZIONE.SOLO IL SABATO. INVIARE RICHIESTA a info@ca-doro.com Ha recuperato il senso dell’arte “pop” restituendogli il duplice [...]

POPNEWPOP @ MACRO Testaccio

barbara | giugno 27th, 2013 - 11:22
popnewpop.inevidenza

INAUGURAZIONE

WordPress Themes