UAU (Urban Art Utopia) – Diavù, MauPal, Solo

barbara | marzo 27th, 2015 - 13:04

UAU! La Street Art arriva “indoor” nella Galleria Ca’ d’Oro, luogo storico di esposizioni dei più grandi nomi dell’arte del Novecento, che accoglie il progetto di Cristina Porcella e Marta Ugolini.

Fenomeno globale, ricco di stimoli e in continuo fermento dall’inizio del nuovo millennio, l’Urban Art rende manifesto il proprio percorso creativo ed il suo messaggio offrendosi alla fruizione pubblica. Negli ultimi anni l’attenzione nei confronti del movimento è cresciuta con la naturale apertura verso nuovi input ed esperienze “al chiuso” sono state portate avanti con successo.
La mostra collettiva presenterà tre artisti romani:
Mauro Pallotta aka Maupal, celebre per il SuperPope “twittato” dal Vaticano e poi ricevuto in udienza da Papa Francesco; David Vecchiato aka Diavù, ideatore e fondatore de il M.U.ro, museo a cielo aperto del Quadraro; Flavio Carbonaro aka Solo, celebre per i suoi super eroi umanizzati.
I tre artisti eseguiranno una performance sui muri della Galleria per avvicinare il pubblico alla comprensione delle tecniche utilizzate.

WORKS

DIAVU’

MAUPAL

SOLO

Rassegna Stampa cartacea


BIOGRAFIE

DIAVU’: (David Vecchiato) vive e lavora a Roma. È artista e curatore, cartoonist e musicista. All‘inizio degli anni ‘90 fonda e dirige diversi magazine indipendenti di arte, fumetti, musica e cultura underground e realizza cartoon per l’emittente tv italiana Videomusic. Di quegli anni sono le prime apparizioni a Roma di sue opere di Poster Art illegali. Dal 1996 partecipa a mostre (a La Triennale di Milano/OFF a Palermo, MuseiON di Bolzano, Museo MADRE di Napoli e in numerose gallerie in Europa e Stati Uniti). Nel 1997 ha la prima personale all’HIU, Happening Internazionale Undergound al Leoncavallo di Milano. Dal 1992 pubblica illustrazioni (La Repubblica, Musica di Repubblica, Alias, ecc), fumetti (Frigidaire, Blue, Linus, Il Cuore, ecc), articoli su arte e fumetti (La RepubblicaXL, Il Fatto Quotidiano, ecc). Ha realizzato copertine di libri e di dischi. Dal 2007 realizza regolarmente opere di Urban Art. È art director del progetto artistico Mondopop, cura il festival itinerante di Urban Art “Urban Superstar Show” (MADRE 2009 e 2010, Galleria Provinciale di Cosenza 2012 e 2013) e ha ideato e cura il progetto MURo Museo di Urban Art di Roma. Insegna Fenomenologia delle arti contemporanee allo IED di Roma e, dal 2015, cura la serie di documentari sulla Street Art “Muro a…” per Sky ARTE.

MAUPAL: Mauro Pallotta nasce a Roma il 20 Maggio 1972. Frequenta l’Accademia delle Belle Arti rivelando un talento nel disegno. Attratto dalla sperimentazione, include nel processo creativo diversi materiali. Nelle prime opere usa carte da gioco, legno, tappi di sughero, vetro e plastica, oggetti estrapolati dal vissuto quotidiano e poi assunti in un progetto depositario di significati diversi. In seguito mostra un vivo interesse per le potenzialità scultoree insite nella lana d’acciaio. Essa viene usata come supporto per figurazioni in cui immagini a prima vista abbozzate si ricompongono in maniera realistica nella retina dell’osservatore. Questa tecnica, propria ed esclusiva di Mauro Pallotta, è stata particolarmente apprezzata dalla critica internazionale ed in particolar modo dal Wall Street Journal, poiché considerata come ponte tra pittura e scultura.Oltre ad essere un artista d’arte contemporanea, Mauro Pallotta crea anche grandi raffigurazioni ed opere di street art sotto lo pseudonimo di Maupal. Il suo murale SuperPope è diventato internazionalmente riconosciuto a gennaio 2014, quando è apparso sulla facciata di un palazzo vicino a Piazza San Pietro a Roma. Mauro Pallotta è stato ricevuto personalmente da Papa Francesco, al quale ha regalato una piccola riproduzione dell’opera. Tra le altre opere di street art, si ricordano la Yogaqueen, in occasione del referendum scozzese, a Londra, L’occhio è l’unico che può accorgersi della bellezza, in omaggio a Pasolini, ed Alternativa Europea, un salvadanaio rotto le cui crepe delineano il profilo dell’Unione Europea, a Bruxelles. Mauro Pallotta partecipa ad eventi di arte contemporanea e di street art in ed esibisce in gallerie e istituzioni pubbliche di tutto il mondo. Attualmente vive tra Roma e Londra.

SOLO: Solo nasce a Roma nel 1982. La sua passione per l’arte ha inizio nei primi anni novanta e nel 2000 si avvicina al nascente movimento della Street art.
Nel 2003 si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Roma, dove si laurea sotto la guida di Michele Cossyro, pubblicando un’antologica sull’artista americano Ronnie Cutrone, importante esponente della Pop Art. L’antologica comprende un video intervista esclusiva, realizzata a New York nel 2008. Nel 2009 ha collaborato a Londra presso lo studio dei videomaker The Butchers, realizzando istallazioni di video Mapping. Nel 2011 ha partecipato alla performance live in occasione del Viennart, presso il MACRO (Museo d’ArteContemporanea di Roma). Nel 2012 è la volta del MACRO Pelanda in occasione dell’ Affordable Art Fair. Nello stesso anno ha partecipato a diversi progetti di riqualificazione urbana, sia nella città francese: Vitry-sur-Seine|Vitry Sur Seine (Francia), che presso il comune di Taormina (CT, Italia) ed Ibiza (Spagna). SOLO continua la sua produzione pittorica su tela e sui muri delle diverse città che attraversa. I supereroi, sua icona principale, una volta collocati sulla strada si trasformano in immagini offerte dall’artista al passante. Nel 2013 è volato da Parigi a Praga, per mostre personali e collettive, segnalando in ogni centro urbano la sua presenza; per poi tornare nello stesso anno, nella sua città di origine , con l’esposizione personale “Heroes in Crisis” nella galleria Varsi, a cura di Marta Gargiulo.
Nel 2014 è a Berlino con la mostra Adult Childhooh alla Pink Zeppelin Gallery , insieme a Stefano Bolcato.
Collabora alla realizzazione del dipinto sulla facciata principale della Città Della Scienza a Napoli insieme a Telethon, per onorare la memoria del giovane Francesco; decora gli spazi interni della nuova sede della Neomobile a Roma, e partecipa alla collettiva Tracks al Macro, curata da Achille Bonito Oliva, dipingendo un tram della linea 19.
I primi mesi del 2015 vola a Londra per la mostra collettiva ART IN MIND : ABSOLUTION, alla Brick Lane Gallery, a cura di The Magpie project.

OPENING

Tags: , ,
Weboy