LA MADONNA NELL’ARTE CONTEMPORANEA

cadoro | ottobre 14th, 2003 - 15:59

Omaggio ai XXV anni di Pontificato di S.S. Giovanni Paolo II nel Pantheon di Roma

Roma, 14 ottobre – 20 novembre

mostra curata da Monsignor Renzo Giuliano, Lorenzo Zichichi e Gloria Porcella

Anteprima della mostra
8 ottobre 2003 alle ore 18.00 nel Parlamento Europeo di Bruxelles

Parlamento Europeo di Bruxelles,
Sala Yehudi Menuhin,
primo piano, edificio PHS,
Rue Wiertz
Comitato Promotore

Presidente:
Cardinale Camillo Ruini, Vicario di Roma
Gianni Borgna, Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Roma
Roberto Di Paola, Soprintendente ai Beni Architettonici e al Patrimonio Storico Artistico di Roma
Antonio Tajani, Vice Presidente del Partito Popolare Europeo
Giuliano Urbani, Ministro per i Beni e le Attività Culturali

Comitato Scientifico

Presidente:
Cardinale Paul Poupard
Vice Presidente:
Maurizio Calvesi, Università La Sapienza, Roma
Segretario:
Lorenzo Zichichi
Membri:
Francesco Buranelli, Musei Vaticani, Vaticano
Jean Clair, Direttore Museo Picasso, Parigi
Sam Hunter, Princeton University, USA
Dominique Ponnau, École du Louvre, Parigi
Peter Weiermair, Galleria d’Arte Moderna, Bologna

Rapporti con gli Enti e le Istituzioni
Gloria Porcella

Da sempre l’arte ci svela la radice giudaico-cristiana della civiltà europea. Marc Chagall affermava che i pittori hanno intinto il loro pennello in quell’alfabeto colorato della speranza che sono le Sacre Scritture, un alfabeto senza il quale è impossibile decifrare l’iconografia dell’arte continentale.
Il cristianesimo è il grande lessico della storia d’Europa. Il messaggio evangelico della dignità di ogni uomo, la difesa della cultura classica nei monasteri e lo studio della Bibbia hanno dato un contributo fondamentale alla formazione della nostra civiltà. E le stesse istituzioni “laiche” trovano il loro fondamento nel precetto evangelico del “rendete a Cesare quel che è di Cesare ed a Dio quel che è di Dio”.

L’eredità cristiana è prima di tutto quella di un grande catalogo di valori che lega l’Oriente dei Santi Cirillo e Metodio all’Occidente di San Benedetto. Anche il sogno di un’Europa unita ed in pace nasce e si afferma, dopo la tragedia della Seconda Guerra Mondiale, nel segno dello spirito cristiano. De Gasperi, Adenauer e Schumann riconoscevano, ad di là delle divisioni, un’unica Europa delle cattedrali ed un solo popolo europeo unito dalla tradizione cristiana.

Oggi abbiamo davanti a noi la sfida di dare un’anima alla nuova Unione Europea che nascerà dai lavori della Convenzione presieduta da Valery Giscard d’Estaing e della Conferenza intergovernativa di Roma. Perché l’Europa del futuro non sia soltanto quella della politica e dell’economia sarà importante inserire nel Trattato Costituente un riferimento alle radici giudaico-cristiane della civiltà del vecchio Continente. Un’Europa che riconosca il ruolo giocato dalla tradizione religiosa nella sua storia sarà più salda e più pronta ad aprirsi al confronto con altre culture.

In questa prospettiva, sono onorato di presentare la mostra dal titolo “La Madonna nell’Arte Contemporanea” nella sede del Parlamento Europeo di Bruxelles, anticipando l’esposizione che avrà eccezionalmente luogo presso il Pantheon a Roma. Questa mostra collettiva, che raccoglie le opere di venticinque grandi maestri, è stata organizzata dal Vicariato di Roma per celebrare la ricorrenza dei venticinque anni del Pontificato di Giovanni Paolo II. In questo quarto di secolo di apostolato il Santo Padre ci ha offerto una straordinaria testimonianza della vitalità dei valori cristiani ed è stato protagonista, con il suo magistero spirituale, del ricongiungimento tra Est ed Ovest dell’Europa.

Antonio Tajani
Componente della Convenzione
per il futuro dell’Europa

Press Release “La Madonna nell’Arte Contemporanea”

WordPress